Razze CANI nel mondo

Api, gatti, cani, cavalli, caprette, pesci, tartarughe e uccelli, ma anche roditori, anfibi, rettili e altri insetti.

Bovaro del Bernese

Messaggioda Arihanna ElGram » mercoledì 24 luglio 2013, 11:52


I Bovari del Bernese sono chiamati anche “Sennenhunde”.
Le origini sono molto antiche. Molti autori sostengono la teoria che il “Bernese” sia di origine autoctona. Un’altra teoria espone il fatto che l’antenato del Bovaro sia stato introdotto dalle legioni dell’antica Roma, in Svizzera, essendo questa una delle tante colonie imperiali romane. È stato utilizzato per secoli come cane da mandria, da contadino e da lavoro, infatti c’è ancora chi lo chiama con il suo vecchio nome: Vaccaro o Cane da stalla. Egli ultimi secoli, questa razza, ha rischiato seriamente l’estinzione, a causa di vari incroci effettuati con razze locali. Fu l’allevatore Schertenleib che riuscì a ritrovare gli ultimi soggetti rimasti ed a ricostruire la razza, con un’accurata selezione. Ora la razza è molto diffusa nel suo Paese e abbastanza conosciuta in tutta Europa.
Aspetto generale
Cane di grande taglia, mesomorfo mesocefalo. Classificato morfologicamente come Molosso-Lupoide. È un cane di grande forza. Molto resistente. Molto ben proporzionato, armonioso. I suoi arti sono diritti e vigorosi. La sua costruzione è solida e molto robusta. I suoi rapporti sono molto proporzionati.
Carattere
Esemplare. Può essere definito una razza a triplice attitudine, poiché, ha assunto il ruolo di cane da guardia, di cane da difesa e di cane da compagnia. Questo è un tipo di cane che si affeziona grandemente ad una persona in particolare, e riconosce in esso un punto di riferimento per la vita. È una razza particolarmente attraente sia nell’aspetto, sia nel temperamento. Fedele compagno di avventure. Discreto cane da pastore. Sicuro, amichevole. Mai aggressivo.
Standard
Altezza:
- maschi da 64 a 70 cm al garrese. Altezza ideale 66-68 cm.
- femmine da 58 a 66 cm al garrese. Altezza ideale 60-63 cm.
Peso: da 40 a 48 kg.
Tronco: corto. Rapporto con l’altezza al garrese: lunghezza del corpo circa 9:10. petto ben aperto, scendente, al minimo, fino al gomito. Coste ben cerchiate. Reni muscolosi. Dorso solido, dritto. Groppa leggermente arrotondata, larga, forte, muscolosa.
Testa e muso: forte, cranio piatto con solco frontale poco evidente. Stop ben marcato ma tuttavia non troppo pronunciato. Il muso è forte e diritto. Labbra poco pronunciate.
Tartufo: di colore nero, voluminoso.
Denti: completa, fortemente sviluppata e ben chiusa. A cesoia, 42 denti.
Collo: forte, muscoloso di media lunghezza.
Orecchie: medie, attaccate alte, triangolari, pendenti in riposo.
Occhi: bruno scuro, a forma di mandorla con palpebre ben aderenti.
Arti: giunture piatte e ben muscolose. Metacarpi leggermente inclinati. Le membra sono diritte viste da qualsiasi punto, parallele viste di fronte. I posteriori hanno cosce abbastanza lunghe ed inclinate fino alla gamba. L’articolazione della gamba è ben inclinata, larga e forte. Gli speroni devono essere tolti. I piedi sono corti, arrotondati con dita chiuse.
Andatura: elastica ed allungata, regolare in ogni caso.
Spalla: lunghe, forti e oblique, formante un angolo largamente aperto verso l’indietro.
Muscolatura: molto ben sviluppata; più sviluppata negli arti posteriori che in tutte le altre parti del corpo.
Coda: scendente fino al tarso, poi leggermente rialzata. Ben fornita di pelo.
Pelo: fine, liscio, lungo, abbondante, leggermente ondulato, ma non arricciato.
Colori ammessi: nero intenso fino alla pelle, con macchie bruno rosso pulito alle guance, sopra gli occhi, ai 4 arti e al petto. Lista bianca dal cranio al muso. Petto bianco preferibilmente a forma di croce. Quattro piedi bianchi.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, colori del manto non ammessi, movimento scorretto, taglia fuori standard, mancanza di premolari, carattere aggressivo, carattere timido, tronco allungato, coda torta, cranio non piatto, monorchidismo, criptorchidismo, pelo arricciato.
a cura di Vinattieri Federico - http://www.difossombrone.it

http://www.agraria.org/cani/bovarobernese.htm

Immagine
https://encrypted-tbn2.gstatic.com/imag ... S0YcvepAfQ

Immagine
http://www.bachecaannunci.it/adpics/bovari203.jpg
Avatar utente
Arihanna ElGram
Guardiano
Guardiano
 
Posts: 4081
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2013, 11:58

  • Condividi su
  •   Aiuta ad aumentare la popolarità di BroomGulf condividendo la pagina!
    Condividi su Facebook

Collie - Cane da Pastore Scozzese

Messaggioda Arihanna ElGram » lunedì 29 luglio 2013, 13:58


Il Cane da pastore scozzese esiste a pelo lungo (Rough Collie) e a pelo corto (Smooth Collie), razza dalle antiche origini. Discende da una vecchia razza autoctona del nord dell’isola britannica e dai cani da gregge importati in Gran Bretagna nel V secolo a.C. dai Romani. Anche su questa razza si sono create molte ipotesi sui possibili incroci che l’hanno originata. Si è pensato all’introduzione in tempi lontani, del “Terranova”, del “Borzoi” e del “Deerhound”. Nel XIII secolo esisteva già un pastore scozzese a lui simile. La selezione vera e propria della razza iniziò nel 1960. Molti esperti sostengono che questa razza rappresenti uno dei più antichi canidi addomesticati dall’uomo. Darwin sosteneva che la razza non avesse cambiato nel corso dei secoli, il suo aspetto estetico. La razza si diffuse subito al di fuori dell’Inghilterra. Fu conosciuto in tutto il mondo grazie al film di Hollywood “Torna a casa Lessie” negli anni ‘40.
Aspetto generale
Cane di media taglia. Per la sua naturale inclinazione alla funzione di cane da pastore, la sua struttura deve sprigionare forza e grande agilità. Non deve presentare alcuna traccia di grossolanità. Deve immediatamente colpire per la sua eleganza e la sua bellezza. Da fermo, deve presentare un’impassibile dignità. Ogni regione del corpo è proporzionata nell’insieme.
Carattere
E' buono ed equilibrato. Il suo temperamento è ormai proverbiale. È un cane caratterialmente parlando, eccellente. A volte non tollera impertinenze da parte di bambini che non conosce, ma per il resto non crea alcun problema. È anche un ottimo cane da guardia. Molto intelligente, quindi molto ben addestrabile. Il suo carattere non è mai nervoso o squilibrato. La selezione del Collie è basata, oltre che sull’aspetto estetico, anche sul piano caratteriale. È sempre vivace e attento a tutto ciò che lo circonda. Durante il lavoro cerca di dare il meglio di sé per aiutare il padrone. Non crea nessun problema anche se vive in casa. Si affeziona ad una persona in particolare che diventerà il suo unico padrone per tutta la vita.
Standard
Altezza:
- maschi tra i 56 ed i 61 cm
- femmine tra i 51 ed i 56 cm.
Peso:
- maschi da 20,4 a 29,4 kg
- femmine da 18,1 a 24,9 kg.
Tronco: piuttosto lungo in rapporto all’altezza. Dorso fermo, leggermente rimontante verso i reni, costole ben discese, torace profondo e piuttosto ampio dietro le spalle.
Testa e muso: deve rassomigliare ad un cuneo, di forma marcata e ad angoli arrotondati, i cui lati devono convergere progressivamente senza rotture dell’attaccatura delle orecchie sino alla estremità del tartufo, senza prominenza dei muscoli masseteri e senza muso appuntito. L’estremità del muso deve essere netta e ben arrotondata, smussata ma non squadrata.
Tartufo: deve essere nero, qualunque sia il colore del mantello.
Denti: i denti devono essere di buona grandezza. Gli incisivi inferiori sfiorano la superficie interna degli incisivi superiori.
Collo: deve essere muscoloso, potente, di bella lunghezza e ben arcuato.
Orecchie: devono essere piccole, né troppo ravvicinate, né poste troppo di lato. Quando il cane è in riposo le orecchie devono, abitualmente, essere gettate all’indietro.
Occhi: di grandezza media. Inserzione un po’ obliqua. A forma di mandorla e di color marrone scuro. Espressione intelligente.
Arti: anteriori provvisti di buona ossatura, in perfetto appiombo, muscolosi e con gomiti non troppo serrati, né scollati. Posteriori con cosce muscolose, metatarso asciutto e grassella ben modellata. Il garretto è piazzato abbastanza in basso e molto potente. Piedi a forma ovale con buone suole. Dita curve e serrate. I piedi posteriori sono meno arcuati di quelli anteriori.
Spalla: molto obliqua e ben angolata.
Andatura: è flessuosa. È preferibile una falcata piuttosto lunga, che deve essere leggera e, in apparenza, senza sforzo.
Muscolatura: abbastanza ben sviluppata ed evidente negli arti.
Coda: deve essere lunga e l’osso terminale di essa deve raggiungere almeno l’articolazione del garretto. Non deve mai superare in altezza la linea del dorso.
Pelo: deve conferire armonia alle forme del cane. Molto denso, ruvido al tatto. Sottopelo morbido.
Colori ammessi: sabbia, tricolore, blu-merle.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, muso debole e appuntito, denti mancanti, garretti vaccini o poco angolati, occhi chiari e/o rotondi, corpo tarchiato, pasturali lunghi, piedi larghi, coda corta, nervosismo, pelo morbido, sottopelo insufficiente, orecchie dritte, cranio bombé, occipite molto marcato, monorchidismo, criptorchidismo, andatura scorretta, anteriori arcuati.
a cura di Vinattieri Federico - http://www.difossombrone.it
http://www.agraria.org/cani/canedapasto ... olungo.htm

Immagine
http://d1o0u1p1zgu48g.cloudfront.net/wp ... Collie.jpg

Immagine
http://images03.olx.it/ui/2/22/67/28551567_1.jpg

Immagine
http://www.canadasguidetodogs.com/custo ... smooth.jpg
Avatar utente
Arihanna ElGram
Guardiano
Guardiano
 
Posts: 4081
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2013, 11:58

Shetland Sheepdog - Pastore delle Shetland

Messaggioda Arihanna ElGram » martedì 30 luglio 2013, 9:56


Anche per per lo Shetland Sheepdog (Pastore delle Shetland) esistono varie ipotesi sulla sua derivazioni. Alcuni sostengono che la razza si origini dall’incrocio tra i “Collies” e lo “Icelandic Yakkin”, un piccolo cane islandese ora non più riconosciuto. Durante il ‘Settecento la razza si era fortemente sviluppata. Per moltissimi secoli questo particolare tipo di cane è stato utilizzato nelle isole Shetlands per custodire e condurre i greggi di pecore. Il perfezionamento selettivo della razza è avvenuto essenzialmente nel ventesimo secolo, quando venne importata sul Continente. La razza è stata ufficialmente riconosciuta nell’anno 1909 e inserita nei registri dell’United Stated nel 1911. oggi è una razza molto diffusa in Gran Bretagna e anche in molti Paesi europei. La razza è attualmente riconosciuta dalle seguenti associazioni ed Enti: FCI, CKC, AKC, UKC, KCGB, ANKC, NKC, NZKC, CCR, APRI.
Aspetto generale
Piccolo cane da lavoro a pelo lungo, di grande bellezza, in nessun modo pesante o grossolano. Forme armoniche così che nessuna parte sia sproporzionata in rapporto all'insieme. Il pelo, la criniera e la pettorina folta, la testa ben scolpita, la dolcezza dell'espressione contribuiscono alla presentazione dello Shetland ideale.
Carattere
E' una razza che si dimostra molto sveglia. È dolce con le persone che considera amiche. Basta essere pochi minuti a contatto diretto con un soggetto di questa razza per capire che è molto intelligente. Si presenta molto solido e estremamente attivo.
Temperamento affettuoso, recettivo verso il padrone. È un cane molto riservato nei confronti degli estranei, ma non dà mai segni di timidezza. Molto affettuoso. Se abituato sa essere anche un discreto guardiano.
Standard
Altezza:
- maschi da 33 a 38 cm
- femmine da 30 a 36 cm
Scarti superiori a 2, 5 cm in più o in meno sono considerati difetti gravi.
Peso:
- maschi da 6 a 8 kg
- femmine da 5 a 7 kg.
Tronco: la lunghezza del corpo, dalla punta della spalla la punta della natica è leggermente superiore all'altezza al garrese. Il petto è alto; raggiunge appena il livello del gomito. Costole ben cerchiate che tuttavia si allungano a fuso nella parte inferiore, per permettere il libero gioco degli anteriori e delle spalle. Il dorso è dritto e la linea del rene presenta una graziosa curvatura. Groppa inclinate gradualmente all'indietro.
Testa e muso: la testa è raffinata nelle sue linee e, vista dal di sopra e/o di profilo, presenta la forma di un cono allungato, troncato, che si appuntisce progressivamente dall'orecchio alla tartufo. La larghezza del cranio è proporzionata alla sua lunghezza e a quella del muso. L'insieme deve essere considerato in rapporto alla taglia del cane. Il cranio è piatto, di una larghezza moderata fra le orecchie, senza prominenza della cresta occipitale. Le guance sono piatte e si fondono dolcemente in un muso ben arrotondato. Il cranio e il muso sono di uguale lunghezza e il centro è all'altezza della commessura interna dell'occhio. Di profilo, la linea superiore del cranio deve essere parallela alla linea superiore della canna nasale, con uno stop poco accentuato ma definito. Il tartufo, le labbra e l'area perioculare sono neri. L'espressione caratteristica è il risultato dell'equilibrio perfetto e dell'armonia del cranio, della canna nasale, della forma , del colore , della posizione degli occhi, della posizione e del portamento corretto delle orecchie. mascelle di buona lunghezza, asciutte, forti; la mandibola è molto sviluppata. Labbra serrate. Denti sani con chiusura a forbice perfetta.
Tartufo: ampio e di colore nero.
Denti: completi nel numero e nello sviluppo.
Collo: collo muscoloso, convesso, di lunghezza sufficiente perché la testa possa essere portata fieramente.
Orecchie: le orecchie sono piccole e moderatamente larghe alla base, posizionate molto vicine l'una all'altra alla sommità del cranio. Quando il cane è a riposo, sono ripiegate indietro, ma quando è attento, sono dirette verso l'avanti e portate erette, con le punte ricadenti in avanti.
Occhi: gli occhi sono di dimensioni medie, disposti obliquamente, a forma di mandorla.. Di colore bruno scuro salvo che nei soggetti color merle, nei quali uno o ambedue gli occhi possono essere blu o macchiettati di blu.
Pelle: abbastanza ben aderente al corpo.
Arti: gli anteriori con il braccio e la scapola che sono di lunghezza approssimativamente uguale. Gomito equidistante dal garrese e dal suolo. Visti di fronte, gli arti anteriori sono in appiombo, muscolosi e asciutti, con forte ossatura. Cannoni metacarpiani solidi e flessibili. Posteriori con coscia larga e muscolosa. Il femore forma con l'articolazione coxale un angolo retto. L'articolazione della grassella offre un angolo nettamente marcato. Il garretto è netto, angolato e ben disceso, con forte ossatura. Visti da dietro, i cannoni metatarsiani devono essere in appiombo. Piedi di forma ovale. Cuscinetti molto spessi, dita arcuate e serrate.
Spalla: molto ben inclinata all'indietro. Al garrese, le spalle non sono separate che dalle vertebre, ma si inclinano verso l'esterno per permettere un ricercata curvatura delle costole. L'articolazione scapolo-omerale è ben angolata.
Movimento: andature elastiche, unite graziose. La spinta viene data agli arti posteriori, il cane copre il massimo del terreno con il minimo sforzo. Una andatura traballante o ondeggiante, l'ambio, la camminata rada del cane come montato su trampoli, l'andatura saltellante con spostamenti verticali importanti costituiscono grave difetto.
Muscolatura: ben sviluppata.
Coda: più grossa alla radice.
Pelo: pelo doppio. Il pelo di copertura, lungo, è dritto e di tessitura ruvida. Il sottopelo soffice, corto e serrato. La criniera e la pettorina sono molto abbondanti, gli arti anteriori sono molto frangiate. Gli arti posteriori sono coperte da un pelo molto abbondante al di sopra dei garretti, mentre al di sotto il pelo è piuttosto corto. Pelo della faccia corto. I soggetti conosciuti con il nome di " pelo corto " sono da rifiutare.
Colori ammessi: i soggetti zibellino sono chiari o ombreggiati; sono ammesse tutte le tonalità, dal dorato pallido al fulvo intenso, ma in ogni caso il colore deve essere vivo. Il colore slavato e il grigio sono da evitare.
I soggetti tricolori sono di un nero intenso sul corpo; verranno preferite le macchie focate vive.
Blu merle: blu chiaro argentato, spruzzato o striato di nero. Preferite macchie focate vivi, ma la loro mancanza non deve essere penalizzata. Da penalizzare: grandi macchie nere, il color ardesia una sfumatura rossastro, sia nel pelo di copertura che nel sottopelo. L'effetto complessivo prodotto deve essere blu.
Nero/bianco e nero/focato sono ugualmente dei colori riconosciuti. Le macchie bianche possono apparire (tranne che nei soggetti neri focati) sul petto, il collare, gli arti, l'estremità della coda; possono formare una lista o anche un collare. Le macchie bianche saranno preferite, in parte o nella loro totalità (salvo che nei soggetti neri e focati) ma la loro assenza non deve essere considerato un difetto. Da penalizzare macchie bianche sul corpo.
Difetti più ricorrenti: misure fuori standard, monorchidismo, criptorchidismo, prognatismo, enognatismo, mancanza di premolari, colori del mantello non ammessi, retrotreno difettoso, spalla poco inclinata, cosce poco muscolose, petto basso, ossatura esile, collo poco muscoloso, orecchie grandi, occhio chiaro, labbra non serrate, carattere aggressivo o timido, movimento scorretto.
a cura di Vinattieri Federico - http://www.difossombrone.it

http://www.agraria.org/cani/shetlandsheepdog.htm

Immagine
https://encrypted-tbn0.gstatic.com/imag ... S1pX-Gexew

Immagine
http://www.dogbreedinfo.com/images24/Sh ... 5Weeks.jpg
Avatar utente
Arihanna ElGram
Guardiano
Guardiano
 
Posts: 4081
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2013, 11:58

West Highland White Terrier

Messaggioda Arihanna ElGram » martedì 30 luglio 2013, 10:07


Creato oltre un secolo fa da un allevatore, il Colonnello Malcolm, che selezionò uno strano cane di piccola taglia, tutto di colore bianco per effetto dell’albinismo. Questo tipo di cane si chiamava “Terrier di Roseneath”, poi assunse il nome di “Terrier di Poltalloch” e successivamente si arrivò a chiamarlo con il nome attuale. Questa razza esordì per la prima volta all’esposizione di Cruft nell’ultimo decennio dell’Ottocento. Piacque talmente tanto alla gente che ebbe subito una grande diffusione in Gran Bretagna. Prima veniva utilizzato come cane da caccia, poi si scoprì le sue doti di fedele cane da compagnia. Il West Highland White Terrier è imbattibile nella caccia ai piccoli roditori.
Aspetto generale
Terrier di piccola taglia, mesomorfo mesocefalo. La sua costruzione è robusta. Possiede un torace profondo ed arti potenti. Ha il pelo bianco, più lungo è arruffato sulla testa.
Carattere
Ha un carattere vivace, molto intelligente e sempre attivo. E’ un cane dai gusti aristocratici. E’ una razza che ha bisogno di movimento e di stare insieme il più possibile alle persone che ama. E’ molto affettuoso, quasi struggente in alcuni casi. Il suo temperamento è vigile e cerca sempre di soddisfare il padrone. Coraggioso e audace. Una razza abbastanza ubbidiente. Perfetto cane da compagnia.
Standard
Altezza: circa 11 pollici al garrese, cioè circa 27,5 cm.
Tronco: molto compatto, con giusta profondità toracica e buona muscolatura. La groppa è larga e robusta.
Testa e muso: il cranio deve presentarsi leggermente rotondeggiante. La distanza tra gli occhi e l’occipite deve essere di poco maggiore rispetto alla lunghezza del muso. L’abbondanza di pelo sulla testa è importantissima. Lo stop deve essere molto pronunciato. Il muso è pieno e scavato sotto gli occhi.
Tartufo: è abbastanza largo e di colore nero. In armonia con il muso.
Denti: regolarmente allineati e completi nel numero e nello sviluppo.
Orecchie: devono essere portate rigide ed erette sulla testa. Devono essere ricoperte da pelo corto e liscio. Le loro dimensioni non devono essere eccessive.
Arti: sia i posteriori che gli anteriori devono essere in appiombo con una discreta ossatura sempre ben proporzionata alle dimensioni del cane.
Spalla: deve essere ben inclinata.
Muscolatura: di buono sviluppo in tutto il corpo.
Linea superiore: diritta e solida.
Coda: lunga circa 15 cm. Deve essere ricoperta di pelo duro, ma privo di frange. Portata il più dritta possibile.
Pelo: il mantello esterno deve avere una lunghezza di circa 5 cm e non deve mai essere arricciato. Il suo sottopelo deve essere molto denso e soffice.
Colori ammessi: bianco uniforme.
Difetti più ricorrenti: mantello non compatto, misure fuori standard, monorchidismo, criptorchidismo, corpo eccessivamente allungato, angolazioni scorrette, naso sporgente, coda portata male, occhi grandi, occhio chiaro.
a cura di Vinattieri Federico - http://www.difossombrone.it

http://www.agraria.org/cani/westhighlan ... errier.htm

Immagine
http://www.laurelswesties.com/wp-conten ... stie91.jpg

Immagine
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/c ... errier.JPG
Avatar utente
Arihanna ElGram
Guardiano
Guardiano
 
Posts: 4081
Iscritto il: venerdì 4 gennaio 2013, 11:58

Bracco Ungherese

Messaggioda Bron ElGram » domenica 29 settembre 2013, 15:33


Immagine

Il Bracco ungherese, conosciuto anche con il nome di Vizsla, è una razza molto affascinante, ottenuta dall’incrocio del Pointer inglese con il Segugio tedesco. Viene chiamato anche il “cane-velcro” perché nutre un forte attaccamento per le persone con cui vive, tanto da sembrare appunto incollato. Conosciamolo più da vicino!
Bracco ungherese: carattere
Il Bracco ungherese è stato selezionato nel tempo come cane da caccia, ma al di là delle sue indiscutibili doti venatorie, è anche un eccezionale compagno nella vita quotidiana. Questa razza, infatti, è particolarmente docile, intelligente e si adatta perfettamente nel contesto familiare, anche perché è alla continua ricerca del contatto fisico con il suo proprietario, ma anche con i membri della sua famiglia umana. Un’altra caratteristica del Vizsla è che ama imparare e le sfide, che si tratti di prove di agility dog o nuotare. Il suomantello, essendo a pelo corto, non richiede particolari cure, ma come tutti i cani non è esente dalla muta in primavera e in autunno. Questa razza non è adatta per chi ha poco tempo a disposizione perché ha una grande energia e richiede esercizio tutti i giorni. Ha bisogno di correre almeno 45 minuti al giorno.
Avatar utente
Bron ElGram
Site Admin
Site Admin
 
Posts: 13661
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2013, 15:50

PrecedenteProssimo

Torna a 3a. Animali domestici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron