Isatis tinctoria altrimenti conosciuta come guado o gualdo

Raccolta di materiale utile allo sviluppo di MondOltre

Isatis tinctoria altrimenti conosciuta come guado o gualdo

Messaggioda Bron ElGram » martedì 27 gennaio 2015, 17:44


Immagine

La Isatis tinctoria L., altrimenti conosciuta con il termine di guado o gualdo[1], è una pianta della famiglia delle brassicaceae (o cruciferae) con ciclo a scansione biennale.

Descrizione
L'infiorescenza è costituita da una ventina di steli di color blu porpora che portano fiori con sepali e petali gialli, di cui solo alcuni giungono a maturazione.
Il diametro del cespo varia da 3,5 cm a 18 cm. Le dimensioni delle foglie variano da 1,5 cm a 5,0 cm di lunghezza.
Nel suo primo anno di vita la pianta rimane in una fase vegetativa nella quale forma una rosetta di foglie; nel secondo anno si ha lo sviluppo dello stelo fiorale che porta alla successiva fruttificazione.


Origine e distribuzione
Di origine asiatica, fu quasi certamente introdotta nell'area europea fin dal neolitico[2]. Secondo altre fonti, tuttavia, potrebbe essere stata importata in Italia dai Catari[3] stabiliti in particolare nella zona del Piemonte corrispondente all'attuale città di Chieri[1].
In Italia è, comunque, diffusa particolarmente sulle Alpi Occidentali e sulle Alpi Marittime (Val d'Aosta, Piemonte e Liguria) e in alcune regioni del centro-nord come Toscana, Umbria e Marche; e del centro-sud come Abruzzo e Lazio. È presente anche nelle isole maggiori Sicilia e Sardegna (in questa seconda isola, dove viene chiamata in lingua sarda guadu, particolarmente nella sottospecie canescens) ed è rintracciabile anche in Veneto, sia pure limitatamente alla zona della provincia di Treviso[4].


Usi
Il guado fa parte delle cosiddette piante da blu insieme al guado cinese e persicaria dei tintori[4].
Il colorante si estrae dalle foglie di questa pianta raccolte durante il primo anno di vita. Dopo macerazione e fermentazione in acqua si ottiene una soluzione giallo verde che agitata e ossidata produce un precipitato (indigotina). Il colorante, molto solido, è utilizzabile nella tintura della lana, seta, cotone, lino e juta, ma anche in cosmetica e colori pittorici[2].
Fu coltivato in Italia almeno dal XIII secolo fino alla seconda metà del XVIII quando la concorrenza dell'indaco asiatico e americano ne ridusse drasticamente la produzione[2].
La solidità del colore è provata dagli arazzi medioevali giunti fino a noi: i verdi dell'Arazzo di Bayeux sono stati tinti con guado sormontato sul giallo della ginestra minore[2] e i blu dell'Arazzo dell'apocalisse hanno superato i secoli.
Il guado era tra i coloranti indaco utilizzati, un tempo, per la tintura della tela con cui venivano confezionati i pantaloni blue-jeans.
I blue jeans, grazie alle fibre da cui vengono ricavati, sono molto resistenti ed erano usati come divisa per operai che si strusciavano per terra e avevano bisogno di un abito resistente.
Il guado, come colorante, veniva utilizzato anche dai Britanni per tingersi il volto del caratteristico colore blu/azzurro che rendeva il loro aspetto più terribile in battaglia.

http://it.wikipedia.org/wiki/Isatis_tinctoria
Avatar utente
Bron ElGram
Site Admin
Site Admin
 
Posts: 14525
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2013, 15:50

  • Condividi su
  •   Aiuta ad aumentare la popolarità di BroomGulf condividendo la pagina!
    Condividi su Facebook

Torna a 4. Box Info per Fatti, Miti e Leggende MondOltre

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron