Paolo Morales (Roma, 23 agosto 1956 – Roma, 16 gennaio 2013)

Letteratura, comics e manga, pittura, libri antichi e manoscritti, almanacchi e calendari, riviste e quotidiani, etc.

Paolo Morales (Roma, 23 agosto 1956 – Roma, 16 gennaio 2013)

Messaggioda Bron ElGram » mercoledì 3 maggio 2017, 20:45


Immagine


Paolo Morales (Roma, 23 agosto 1956 – Roma, 16 gennaio 2013[1]) è stato un fumettista, sceneggiatore e storyboard-artist italiano.

Inizia a pubblicare fumetti nel 1978 per lo Studio Giolitti, per il quale disegna “L'uomo Mascherato” e storie horror destinate al mercato tedesco. Dal 1981 al '90 lavora per Lanciostory e Skorpio. In seguito collabora con le riviste Torpedo, Nero, L'Intrepido e L'Eternauta. Crea un personaggio per L'Intrepido, Renè, del quale cura sceneggiature e disegni. Dal 1991 ha lavorato con la casa editrice Bonelli come disegnatore e sceneggiatore di Martin Mystere, cui si è dedicato fino alla morte prematura all'età di 56 anni.

Sempre per Bonelli ha inoltre scritto Mohican (disegnato da Roberto Diso), quarto volume della collana Romanzi a fumetti Bonelli,.[2] e Ritorno a Berlino (disegni di Davide De Cubellis), pubblicata sul sesto volume della collana Le storie, ultimo lavoro realizzato da Morales.[3]

Nel 1998 lavora come sceneggiatore e story-editor per il cartone animato Sandokan - La tigre della Malesia (seconda serie), prodotto dalla RAI, del quale elabora la bibbia, i 26 soggetti, inventa i nuovi personaggi, scrive sei sceneggiature e supervisiona le altre. Nel 2000 lavora alla terza serie di Sandokan - La tigre della Malesia, scrivendo la bibbia, i soggetti e sei sceneggiature. Collabora, come sceneggiatore, alla serie Gennarino il Mastino. È responsabile della bibbia grafica (disegno dei personaggi e degli ambienti) e di quella letteraria (personaggi, arco narrativo e soggetti delle storie) della serie di cartoni animati L'Ultimo dei Mohicani, prodotta della RAI e ispirata al romanzo di Cooper, e di quella di Kim, trasmessa da RAI2 dal 26 ottobre 2009.

Inizia a disegnare storyboard per il cinema nel 1984. Collabora ad oltre trenta film. Ha lavorato con: Francis Ford Coppola, Martin Scorsese, Michael Hoffman, Clive Donner, Paul Schrader, Ken Annakin, J. Lee Thompson, John Nicolella, P. Duffle, B. Swain, Giacomo Campiotti, P. Solinas, A. Corti, Ricky Tognazzi, Duccio Tessari, Antonio Margheriti, Alberto Negrin, Terence Hill, Lucio Gaudino, S. Maestransi, L. Manfredi, I. Agosta, Sergio Sollima, A. Simone, Giuliano Montaldo e altri. In particolare, per Francis Ford Coppola disegna gli storyboard, dalla prima all'ultima scena, de Il padrino - Parte III[4], mentre per Martin Scorsese ha disegnato le foto d'epoca dei personaggi del film “Gangs of New York”.

Nel 2005 collabora come regista della seconda unità al film TV “L'amore e la guerra” e nel 2006 al film TV “Moscati”, ambedue diretti da Giacomo Campiotti.

Nel 2004 pubblica il libro “Narrare con le immagini”, pubblicato da Dino Audino editore.

Nel 1993, insieme ai disegnatori Massimo Rotundo e Giancarlo Caracuzzo, e agli sceneggiatori Massimo Vincenti e Stefano Santarelli fonda la “Scuola Romana dei Fumetti”, dove insegna la tecnica dello storyboard cinematografico.

Paolo Morales (testi), Fabio Grimaldi (disegni), Il risveglio di Tiamat, in Martin Mystère n. 332, Sergio Bonelli Editore, Aprile 2014

https://it.wikipedia.org/wiki/Paolo_Morales


Da Francis Ford Coppola a Martin Mystere, Paolo Morales è stato uno dei più eclettici e talentuosi fumettisti della scena romana.
A un anno dalla scomparsa di Paolo Morales, venerdì 17 gennaio, presso lo spazio di Via di Montegiordano 59, a Roma, apre la mostra di disegni del fumettista e sceneggiatore intitolata “La storia ha gli occhi semplici”.

In esposizione 50 tavole originali tratte da quattro fumetti della serie Martin Mystère, edita da Bonelli, disegnate da Paolo Morales (I prigionieri del Ciberspazio, I bambini dagli occhi bianchi, Il libro di sabbia e Xanadu) più un inedito dal titolo Cogito, ergo… sum? un vero e proprio fumetto composto da otto tavole che racconta la vita quotidiana dell’autore.
“Ho cominciato a disegnare a quattro anni - ha affermato Morales intervistato nel 2007 - e mi sono sempre considerato uno nato per il disegno. I miei disegni infantili erano già dei piccoli racconti, e appena ho imparato a scrivere ho disegnato il mio primo fumetto (che ancora conservo) e poi via via tanti altri. Scrivevo qualunque cosa: racconti, poesie, ridicoli saggi sulla felicità, sul perché Dio non esiste o sul movimento degli anni '70. Non sono un gran disegnatore, né un grande scrittore ma penso che mi venga facile raccontare.”
Paolo Morales è stato anche storyboard artist e ha lavorato con registi del calibro di Martin Scorsese - per il quale ha disegnato lo storyboard del film “Gangs of New York” - e Francis Ford Coppola, per il quale ha creato lo storyboard integrale de “Il Padrino parte III”.
In occasione della mostra sarà presentata la Borsa di studio che la Scuola Romana dei Fumetti ha proposto di istituire in memoria di Paolo Morales, uno dei suoi fondatori. La borsa sosterrà i costi per l’intero corso triennale di disegno e grafica del fumetto dello studente più meritevole.
La mostra, ad accesso libero, sarà aperta al pubblico dal 17 al 23 gennaio (dal martedì al sabato) e visitabile dalle 17.30 alle 19.30.

http://ag.terzapagina.it/gennaio2014/morales
Avatar utente
Bron ElGram
Site Admin
Site Admin
 
Posts: 13564
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2013, 15:50

  • Condividi su
  •   Aiuta ad aumentare la popolarità di BroomGulf condividendo la pagina!
    Condividi su Facebook

Torna a 3g. Libri, fumetti e disegno

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron