Detroit: Become Human, in un videogame il declino dell'umani

NeverWinterNights: Le Terre di Kaladish, Dragon Age Saga, Assassin’s Creed Saga, Uncharted Saga, Red Dead Redemption Saga, The Elder Scrolls Saga, etc.

Detroit: Become Human, in un videogame il declino dell'umani

Messaggioda Bron ElGram » martedì 22 maggio 2018, 18:27


Immagine


Detroit: Become Human, in un videogame il declino dell'umanità raccontato dagli androidiDetroit: Become Human, in un videogame il declino dell'umanità raccontato dagli androidi
In una società del futuro dove milioni di posti di lavoro sono stati soppressi a causa della robotica, tre androidi guardano la nostra specie annegare fra rabbia e violenza. E’ l’ultima opera di David Cage, sviluppatore di videogame francese di origini italiane che in passato ha lavorato fra gli altri con David Bowie, Terry Gilliam, Willem Dafoe, Ellen Page. Dal 25 maggio per PlayStation 4

di JAIME D'ALESSANDRO


ROMA - Tre storie diverse e ognuna può finire in maniera differente. Ma raccontare Detroit: Become Human, ultimo videogame del francese David Cage, significa soprattutto parlare di uno specchio che offre una sola immagine dell'umanità. Specchio impietoso in una Detroit del futuro, la patria dell'automobile e del fordismo, dove va in scena l'avvento degli androidi e dell'intelligenza artificiale. Lo narra però dal loro punto di vista: una cameriera di nome Kara, un badante chiamato Connor e l'investigatore Markus. Tre androidi molto più umani degli umani che si trovano a dover fare i conti con una società che li detesta e li accusa di aver rubato posti di lavoro e ridotto famiglie sul lastrico. Con i loro padroni i tre hanno relazioni opposte e vivono in contesti che non hanno nulla in comune fra loro. Ma tutti e tre si trovano a dover fare i conti con un fenomeno nuovo che condizionerà le loro vite: nel giro di pochi mesi si sono moltiplicati i casi di androidi che hanno cominciato a dire no ribellandosi e facendo i conti con qualcosa che non sanno maneggiare, ovvero le emozioni.

Lo aveva previsto Marvin Minsky, il padre delle reti neurali. Il libero arbitrio secondo lui è nato dall'opporsi alle pulsioni. Il primo vocabolo di una mente cosciente è quindi un "no": qualcuno che non vuole fare quel che gli viene ordinato dal suo dna, dai suoi padroni, dal suo software. Ed è anche la radice alla base della coscienza di un androide, l'inizio della sua rivolta.

La fantascienza è piena di robot che si ribellano, qui però quando (e se) lo fanno, è quasi sempre per colpa della crudeltà e dell'incoerenza dei loro padroni. Viene in mente WestWorld, la serie della Hbo firmata da Jonathan Nolan. L'idea di Cage, come ha rilevato lui stesso quando è venuto a trovarci in redazione, nasce da La singolarità è vicina, saggio del 2005 scritto da Raymond Kurzweil. Kurzweil è un visionario con un ossessione: il superamento della morte attraverso l'evoluzione della tecnologia e la possibile riproducibilità della mente umana in forma di dati digitali. Se siete a Torino il 30 maggio vi consigliamo di andare a vedere Do you trust this computer? al festival CinemAmbiente. E' il documentario di Chris Paine che ha intervistato fra gli altri Hiroshi Ishiguro, Elon Musk, Shivon Zilis, lo stesso Jonathan Nolan e appunto Ray Kurzweil. Forse l'unico fra gli altri ad avere una visone positiva sdu Ai e tecnologia.

David Cage, classe 1969, al contrario è un narratore ed è anche padre di due bambini. Quando rischiò di perderne uno in un centro commerciale troppo affollato, scrisse un capolavoro intitolato Heavy Rain. In quel caso la storia riguardava un padre distrutto dal lutto per aver visto uno dei suoi figli morire sotto una macchina. Anni dopo, ridotto ormai ad un fallito, si trovava a dover affrontare un serial killer per salvare l'unico figlio che gli era rimasto. Le scelte che il giocatore faceva portavano la storia ad evolvere in un senso o nell'altro. A tal punto che si poteva iniziare con un protagonista e finire con un altro.

Detroit: Become Human riprende quel discorso, tralasciato dal mezzo passo falso di Cage chiamato Beyond: Two Souls ed uscito nel 2013. Non è un videogame per ragazzini, all'inizio i ritmi sono lenti e tante sono le scene di quotidianità, anche se del futuro popolata dagli androidi. Ma via via le nostre scelte prendono a determinare alcune possibili svolte e concluso ogni capitolo possiamo guardare tutte le biforcazioni della trama che abbiamo o non abbiamo percorso. Ci sono perfino le statistiche: quanti giocatori hanno agito in quella maniera o risposto a quella domanda con quella risposta.

Si dice che i videogame siano l'ottava arte. Di sicuro sono intrattenimento, spesso di livello infimo, perché è così che vengono concepiti da chi li crea. Ma ci sono delle eccezioni e ci sono game designer che provano a usarli come una forma di narrazione altra, sfruttando l'interattività per coinvolgere gli spettatori nel plasmare la storia che stanno giocando. Non sono tanti quei game designer. David Cage, con la sua Quantic Dream, è uno di loro.

http://www.repubblica.it/tecnologia/pro ... P1-S1.4-T1
Avatar utente
Bron ElGram
Site Admin
Site Admin
 
Posts: 13720
Iscritto il: giovedì 3 gennaio 2013, 15:50

  • Condividi su
  •   Aiuta ad aumentare la popolarità di BroomGulf condividendo la pagina!
    Condividi su Facebook

Torna a 3c. GEE nei Videogiochi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

cron